Clima, ecco le richieste delle aziende “eco”

Clima, Edo Ronchi consegna al ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti l’appello del Consiglio nazionale della Green economy per il Cop 21 di Parigi.

 

Clima, ecco le richieste delle aziende “eco”

SSN2MV5LOB_climaAdottare un efficace accordo internazionale e specifiche misure nazionali per mitigare il cambiamento del clima. E questo l’appello che il presidente del Consiglio nazionale della Green economy Edo Ronchi ha consegnato oggi a Roma al ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti in vista della Cop 21 che si apre domenica a Parigi.

Edo Ronchi (ph. Nigro)
Edo Ronchi (ph. Nigro)

Il documento, firmato in soli 15 giorni da oltre 200 imprese e consorzi di ogni dimensione e settore economico, contiene anche sette richieste specifiche, che rappresentano una possibile proposta italiana per la conferenza sullo sviluppo sostenibile (l’intero documento è disponibile qui).

Tante adesioni– ha commentato Ronchi – indicano che qualcosa di profondo sta cambiando rispetto ai tempi del Protocollo di Kyoto, perché ora le regole in campo ambientale non sono più viste come un impedimento ma come una opportunità per tutte le imprese.

Opinione condivisa dal ministro Galletti, che si è detto fiducioso sugli esiti della conferenza sul clima di Parigi.

A Kyoto hanno aderito paesi che rappresentavano il 12% delle emissioni mondiali – ha spiegato – mentre a Parigi saranno presenti ben 163 stati, alcuni perfino in guerra tra loro, che rappresentano il 96% delle emissioni.

Gianluca Galletti (ph. Nigro)
Il ministro Gianluca Galletti (ph. Nigro)

Tra l’altro, la conferenza è stata confermata e non disdetta nonostante i recenti fatti di Parigi e il timore di possibili azioni terroristiche. “Segnale significativo – ha sostenuto Galletti – perché comunica che le decisioni sul tema del clima sono così importanti che non possono essere rimandate”.

Il documento sul clima include sette richieste specifiche che le aziende ritengono utili. Proposte che includono:

  • l’adozione di significative misure nazionali di mitigazione del cambiamento climatico;
  • l’adozione di target legalmente vincolanti per contenere l’innalzamento della temperatura sotto i 2 gradi C;
  • una riforma della fiscalità ecologica che investa anche una carbon tax e i sussidi dannosi per l’ambiente;
  • l’efficienza energetica come obiettivo da perseguire in ogni settore dell’economia;
  • l’accelerazione del passaggio dall’energia da fonti fossili a quella da fonti rinnovabili;
  • la promozione di più sostenibili modelli di gestione del suolo, con un ruolo attivo dell’agricoltura;
  • il ricorso a eco-innovazione ed economia circolare come fattori chiave della transizione ad un’economia più verde.

Proposte che condividiamo – ha detto Galletti – e che non rappresentano un ostacolo per la nostra economia, ma anzi un fattore di competitività, dal momento che l’Italia si è mossa in questi anni con largo anticipo nel perseguire obiettivi che altri paesi ora devono affrettarsi a perseguire.

Ecco una dichiarazione di Edo Ronchi ed una del ministro Galletti.

 

 

Questo articolo è stato pubblicato su www.ilsole24ore.it il 25 novembre 2015.

Pietro Nigro

Pietro Nigro

Giornalista professionista, napoletano, con esperienza di giornalismo su carta, in tv e sul web, nonché di comunicazione e nel mondo dell’impresa. Ha lavorato soprattutto a Napoli dove si è occupato di economia e politica per il Roma, il Denaro e il Corriere del Mezzogiorno. Ha curato uffici stampa e attività di comunicazione istituzionale, tra gli altri, per il parlamentare europeo Ernesto Caccavale, l’Ordine degli Ingegneri di Napoli, l’Associazione nazionale Consulenti tributari di Napoli, il Consorzio nazionale Acciaio, Anida onlus e Itaca ong. Come direttore responsabile, ha fatto nascere l’emittente televisiva calabrese Rete 3, e, come vicedirettore, il nuovo sito di informazione www.scelgonews.it. In precedenza è stato socio fondatore di una nuova impresa di bricchettaggio di lignite in Bashkortostan, di una cooperativa di diversamente abili a Napoli e della prima società italiana di condohotel a Chianciano (Siena). Attualmente collabora con il Sole 24 Ore. Nell’autunno 2015, raccoglie e rilancia l’ennesima sfida professionale: avviare www.italianotizie24.it, una nuova iniziativa editoriale dal “basso”, nata cioè dallo sforzo congiunto di un gruppo di giornalisti di varie parti d’Italia che decidono di “mettersi in proprio” per far nascere il “loro” giornale.

Un pensiero riguardo “Clima, ecco le richieste delle aziende “eco”

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.