Televisioni calabresi, al via l’associazione

A Lamezia l’incontro tra le emittenti locali e i presidenti di Consiglio regionale e Corecom. Primo successo per l’iniziativa promossa da Pietro Nigro, direttore responsabile di Rete 3.

 Televisioni_calabresi

Il direttore di Rete 3 promuove Assotelecalabria

Le emittenti televisive calabresi daranno vita ad AssoTeleCalabria, l’associazione che si propone di rappresentare l’intero settore delle tv private regionali e di sostenerlo nel passaggio al digitale terrestre. L’iniziativa, promossa dalla tv Rete 3 di Praia a Mare, ha già ottenuto l’adesione di metà delle imprese del settore e il sostegno del presidente del Corecom, Silvia Gulisano, e del presidente del Consiglio regionale, Francesco Talarico, intervenuti sabato scorso a Lamezia Terme alla prima riunione della costituenda associazione.

“Siamo molto soddisfatti di questo primo risultato – ha commentato Pietro Nigro, direttore responsabile di Rete 3 e promotore dell’iniziativa – perché abbiamo superato le diffidenze e il tradizionale individualismo delle tv calabresi. E perché i massimi rappresentanti del Corecom e del Consiglio regionale hanno confermato la loro volontà di dialogare con l’associazione e di fornire collaborazione e sostegno alle televisioni, strumenti essenziali per la pluralità e la capillarità dell’informazione ai cittadini, in questa fase cruciale della loro esistenza”.

Il passaggio al digitale terrestre anche in Calabria, infatti, si profila come un momento delicato per la stessa sopravvivenza delle emittenti tv, soprattutto le piccole e quelle comunitarie, perché richiede cospicui investimenti dapprima nelle tecnologie di trasmissione digitale e poi anche per l’assortimento dei palinsesti dei programmi.

“Siamo convinti che le sinergie tra le stesse emittenti sia la strada migliore da perseguire per ridurre costi altrimenti insostenibili – ha spiegato Pietro Nigro – insieme al sostegno economico che la Regione si sta impegnando a fornire. E l’associazione si propone proprio di favorire le occasioni di collaborazione tra gli associati, promuovendo al contempo la crescita delle imprese televisive sul piano aziendale, organizzativo, economico e tecnologico”.

Infatti, tra gli scopi dell’associazione – che sarà formalmente costituita a gennaio 2011 – rientrano anche la rappresentanza esterna delle televisioni, lo sviluppo aziendale e l’innovazione tecnologica delle imprese associate, anche attraverso analisi conoscitive, adozione di standard e modelli organizzativi, acquisti condivisi e coproduzioni di contenuto, nonché la crescita professionale degli imprenditori, dei giornalisti, dei tecnici e degli artisti che vi lavorano.

Pietro Nigro

Pietro Nigro

Giornalista professionista, napoletano, con esperienza di giornalismo su carta, in tv e sul web, nonché di comunicazione e nel mondo dell’impresa. Ha lavorato soprattutto a Napoli dove si è occupato di economia e politica per il Roma, il Denaro e il Corriere del Mezzogiorno. Ha curato uffici stampa e attività di comunicazione istituzionale, tra gli altri, per il parlamentare europeo Ernesto Caccavale, l’Ordine degli Ingegneri di Napoli, l’Associazione nazionale Consulenti tributari di Napoli, il Consorzio nazionale Acciaio, Anida onlus e Itaca ong. Come direttore responsabile, ha fatto nascere l’emittente televisiva calabrese Rete 3, e, come vicedirettore, il nuovo sito di informazione www.scelgonews.it. In precedenza è stato socio fondatore di una nuova impresa di bricchettaggio di lignite in Bashkortostan, di una cooperativa di diversamente abili a Napoli e della prima società italiana di condohotel a Chianciano (Siena). Attualmente collabora con il Sole 24 Ore. Nell’autunno 2015, raccoglie e rilancia l’ennesima sfida professionale: avviare www.italianotizie24.it, una nuova iniziativa editoriale dal “basso”, nata cioè dallo sforzo congiunto di un gruppo di giornalisti di varie parti d’Italia che decidono di “mettersi in proprio” per far nascere il “loro” giornale.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.